Entroterra di Levante - Viaggio da una Vita

Vai ai contenuti

Menu principale:

Viaggi > Italia > Liguria





L'entroterra di Levante è più frequentato, rispetto a Ponente, essendo anche più vicino e comodamente raggiungibile da Tortona.
Come più volte descritto in questo sito e come si può vedere negli album delle Valli (soprattutto Scrivia
e Trebbia) sono stati molti e frequenti i passaggi dalla pianura alla riviera tramite i valichi più famosi come le Capanne di Carrega e San Fermo senza dimenticarsi comunque del più "commerciale" Valico dei Giovi. Nel periodo dove Camogli e Recco erano il punto fisso dei Weekend, spesso passavo dalla Val Fontanabuona e quindi da Uscio sia in fase di andata risalendo dalla Val Trebbia o dalla Val Scrivia e sia in fase di ritorno per poi sbucare a Piacenza o Busalla; queste zone le ho poi riprese su due ruote, soffermandomi in particolare nel borgo di Cicagna.
Il giro più interessante è stato probabilmente quello che tra sali e scendi ci ha visto sbucare a Sestri Levante
dal Passo delle Cento Croci ma dell'entroterra di Levante, a livello di borgo per ora il cuore rimane a Torriglia, forse anche per quanto riservano i miei ricordi di infanzia; come contesto invece non ha paragoni il Lago delle Lame visitato in un giro tra le ormai consumate Capanne di Carrega ed il Passo del Fregarolo.
Con i vari giri in bici tra Golfo dei Poeti e Lunigiana son andato in avanscoperta di diversi borghi che meritano sicuramente una visita più tranquilla e meno faticosa: Ameglia e Trebiano a Nord di La Spezia e Biassa con la sua misteriosa Rocca di Coderone al confine col Parco delle 5 Terre.


RICORDI BREVI
:


MEZZO DI TRASPORTO: Auto propria: Nissan Almera, Toyota Yaris, Fiat Panda; moto propria: Kawasaky ZR7; Pullman GT; Treno; Bici.

LUOGO: Vedi Foto.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu