Paesi Abbandonati [I] - Viaggio da una Vita

Vai ai contenuti

Menu principale:

Varie > Trekking & Walking > Piemonte > Alessandrino





Era nell'aria almeno dalla prima volta che siamo scesi al torrente Borbera; continuando a vedere quella cappelletta li in alto provavo sempre una tentazione alla quale per un motivo o per l'altro non son mai riuscito a cedere. Ma nella anomala Estate del 2014 eccoci a provare questo itinerario partendo da Costa Merlassino; al primo tentativo, tempo di parcheggiare dalla chiesa ed imboccare il sentiero, siamo stati accolti da nuvoloni grigi e tuoni e quindi dietro-front; dopo una settimana, nonostante le nuvole minacciose, ci siamo avventurati in quella che alla fine era la carrozzabile che portava al borgo di Rivarossa fino all'immediato dopoguerra. La lunga passeggiata è stata anche condita da piacevoli incontri con scarafaggi cornuti, che fino a quel momento credevo di poter vedere solo nei musei, e da una carrozza di un treno merci parcheggiata a mò di rifugio a circa metà percorso. Arrivati alla Cappelletta e fatte le foto di rito a ciò che rimane delle abitazioni abbiamo frettolosamente preso la strada del ritorno visto (o meglio non visto) il Monte Giarolo ed il grigiore che lo sormontava.

Il secondo borgo abbandonato visitato è stato quello di Chiapparo vicino a Vegni; un escursione molto semplice anch'essa sulla vecchia carrozzabile che portava fino a Maggioncalda e Carrega Ligure. Nonostante l'evidente stato di abbandono, sembrava dare parvenza di vita una casa ancora discretamente conservata, con un affresco di San Giuseppe e San Rocco con vicini dei tavolini e degli pseudo-sgabelli in legno; mancavano solo le persone che grigliavano e bevevano un bicchiere di vino. Sarà il contesto molto più selvaggio o sarà perchè ne ho goduto da solo e con molta calma ma mi è piaciuto molto di più di Rivarossa. Prima di tornare verso casa mi sono diretto in auto verso Campassi per poi raggiungere a piedi il Mulino di Agneto ma lascio il resto al secondo ricordo breve.

La visita di Connio Vecchio di Carrega Ligure non è stato un vero e proprio trekking ma solo una piccola passeggiata sulla strada per raggiungere, in auto, il Lago delle Lame in Val D'Aveto a Rezzoaglio; curioso aver scoperto un angolo molto carino con una cascata ed un vecchio ponte in pietra.

Il terzo borgo abbandonato è stato Camere Nuove partendo da Camere Vecchie. Anche qui non si tratta di un sentiero ma di una vecchia strada ben percorribile quasi da qualunque mezzo; da notare che non esiste alcun tipo di indicazione ed al primo bivio ho dovuto guardare l'App sullo smartphone per capire quale direzione prendere. Arrivato dopo nemmeno mezzora in un prato ho consultato nuovamente l'App che mi diceva di essere arrivato ma non si vedeva nulla; sceso sulla sinistra eccomi arrivato in una pseudo zona pic-nic non del tutto abbandonata ma il resto, essendo letteralmente inglobato nella vegetazione, non è stato possibile visitarlo a dovere e quindi ripeterò probabilmente l'escursione in autunno con gli alberi un pò più spogli.


RICORDI BREVI
:


MEZZO DI TRASPORTO: Auto propria: Nissan Almera.

ITINERARIO 1: (Sentieri CAI N.200, 208) Costa Merlassino - Monte Barillaro - Rivarossa e ritorno

ITINERARIO 2: (Carrozzabile) Vegni - Chiapparo e ritorno
ITINERARIO 3: (Carrozzabile) Camere Vecchie - Camere Nuove e ritorno  



 
Torna ai contenuti | Torna al menu